Archivi tag: gelato

Benefici di una gelateria ad entrare in ProntoGelato

Perché una gelateria dovrebbe scegliere ProntoGelato?

Perché una gelateria dovrebbe scegliere ProntoGelato?

Abbiamo già parlato dell’incremento dei servizi di e-commerce nel settore food a tutti i livelli. Gelato incluso!
Perché la comodità della consegna a domicilio fa gola a tutti.

Quali sono i vantaggi concreti che una gelateria può avere entrando nel circuito di ProntoGelato? Sono tanti e oggi abbiamo pensato di illustrarteli in modo più dettagliato.

Grazie alle consegne a domicilio, la gelateria può coprire con pochi ordini una grande fetta del lavoro giornaliero. Consegnare un chilo di gelato, infatti, equivale a vendere circa 10 coni.

Inoltre, grazie a ProntoGelato, puoi portare la tua gelateria direttamente a casa del cliente!
Ci hai mai pensato? Chi esce per andare a comprare il gelato sicuramente si reca solo nella sua gelateria preferita, ma con ProntoGelato la tua gelateria sarà visibile insieme alle altre.
Una vetrina nella vetrina!

Il nostro servizio offre ai tuoi potenziali clienti un portale con cui prenotare la consegna con qualche giorno di anticipo. È possibile infatti prenotare ad esempio il Giovedì la consegna per il Sabato o regalare una consegna di gelato ad un amico.

Sei una gelateria artigianale che vuole fare la differenza?
Sul nostro portale trovi esclusivamente le migliori gelaterie artigianali italiane. Una selezione accurata, una garanzia per te e per il tuo lavoro.

Sei spaventato dal meccanismo necessario per attivare le consegne a domicilio? Con ProntoGelato non è un problema che ti riguarda!
Per quanto riguarda il servizio di delivery, penseremo a tutto noi. Dalla selezione dei ragazzi a tutti gli aspetti amministrativi, tu dovrai solo pensare a preparare l’ordine per il tuo nuovo cliente!

Le nostre gelaterie hanno accesso ad un’area riservata che permette una gestione ottimale dei gusti disponibili sulla vetrina on line!
Hai terminato un gusto e vuoi oscurarlo? Nessun problema, facilissimo! Più semplice di togliere la vaschetta vuota dal tuo frigo espositore!

L’attività della gelateria è un’attività stagionale, che conosce un momento di alta e bassa stagione.
I costi, però, ci sono tutto l’anno! Con ProntoGelato potrai ottimizzare i momenti di bassa stagione sfruttando il sistema delle consegne a domicilio nei periodi in cui diminuisce il flusso di clientela fisica in negozio.

Come puoi vedere, i vantaggi di entrare a far parte di ProntoGelato sono tantissimi per una gelateria artigianale!

Sei interessato a saperne di più? Chiama il numero 3456055772 oppure scrivici una mail info@prontogelatosrl.it .

Curiosità sul gelato

Quattro cose che forse non sai sul gelato!

Il gelato è il dessert preferito dagli italiani e non ci stancheremo mai di ripeterlo!
Del resto, le statistiche ci danno ragione!

Sul gelato è stato detto tutto ma naturalmente ci sono alcune curiosità che colpiscono più di altre.
Noi oggi ne individuiamo 5 che ci sono rimaste nella mente più di altre, sei pronto a scoprirle insieme a noi?5 Curiosità sul gelato

Gelato nero, il segreto è nel carbone

Il gelato nero che sta spopolando in questi mesi sul web potrebbe sembrare uno di quei gusti industriali carichi di coloranti.
In verità forse ti stupirai nel sapere che il suo colore extra dark, ancor più scuro del fondente, è frutto di una miscela di carboni vegetali, ricavati dalla noce di cocco.

Quando è nata la moderna gelateria?

Noi italiani possiamo essere fieri del nostro genio creativo, che in tutte le epoche storiche ci ha portato numerose soddisfazioni e la fama di essere ingegnosi inventori.
Anche il gelato trova le sue origini in Italia, inizialmente come un dessert da servire a tavola.

La moderna gelateria per come la conosciamo oggi, con i pozzetti contenenti i diversi gusti, nasce dall’idea di un italiano in Francia.
Grazie a questa intuizione il gelato conosce, a partire dalla seconda metà del ‘600, una diffusione più ampia.

Il cono che si mangia, il gelato diventa popolare!

Risale all’inizio del ‘900 del secolo scorso l’invenzione che ha trasformato il gelato da dessert al cucchiaio riservato a pochi a golosità da poter mangiare passeggiando.

Nel 1903 sempre un italiano inventa una cialda piegata a forma di cono, cava al suo interno, che può essere riempita con delle palline di gelato.
Da dolce al cucchiaio, il gelato diventa uno sfizio che si può mangiare passeggiando.
E la sua popolarità aumenta ulteriormente.

Il gelato più costoso al mondo… non è gelato!

Sui magazine si rincorrono le notizie sul gelato più costoso al mondo. Dubai, New York e altre capitali del mondo si contendono il primato del dessert ghiacciato più caro, in un susseguirsi di ricette diverse.
La verità però è una sola: l’ingrediente realmente costoso non è mail il gelato!
Queste preparazioni affiancano il gelato ad ingredienti, commestibili o meno, che sono derivati da metalli preziosi.
La polvere d’oro, ade esempio, ma anche una granella di brillanti che sicuramente non si può mangiare ma che saprà rendere felice il suo goloso proprietario!

La salute fresca da gustare

Come abbiamo già visto il gelato ha un effetto straordinario sul nostro umore, aumentando il livello di felicità dei consumatori. Ma un effetto altrettanto straordinario può essere riscontrato anche sulla nostra salute??

La risposta è emersa in occasione dello scorso SiGep di Rimini, dove la Fondazione Veronesi ha presentato 6 gusti che apportano notevoli benefici al nostro organismo, da quelli con effetti sull’aspetto esteriore a quelli con effetti “nascosti”.

Come potrete ben immaginare nella classifica dei gusti sani non potevano mancare i gusti alla frutta, fra questi troviamo:

  •  fragola e lampone con vitamina C e sali minerali che hanno un effetto depurativo;
  • mora, con vitamine C ed E, è considerato un  antiossidante ad antiinfiammatorio
  • un altro gusto dalle stesse proprietà è il mirtillo che sembra abbia benefici anche sulla vistaGelato-Festival-2016-a-Napoli-Festa-del-Gelato-Artigianale-al-Vomero

Ed ora passiamo ai gusti più inaspettati:

  • scegliendo la nocciola si possono avere miglioramenti a pelle e capelli, dovuti alla vitamina E,  ed è consigliato per le persone sempre in movimento grazie ai suoi nutrienti
  • il pistacchio è ricco di grassi “buoni”, sali minerali, vitamine e proteine
  • il cioccolato fondente contiene la vitamina B3, sali minerali come il magnesio ed è una perfetta fonte di energia.

bg-ricette

 

Questi gusti sono i più sani, ma in generale il Gelato Artigianale, povero di grassi, aiuta la formazione di colesterolo buono (HDL) e contrasta quello cattivo (LDL).

La salute passa anche attraverso quello che mangiamo e in questo il gelato può essere un fantastico e delizioso alleato.

Il gelato artigianale non conosce crisi

Il gelato è stato sempre considerato un prodotto stagionale. Ma non è più così!

Soprattutto nel caso del gelato artigianale non si tratta più di solo un alimento goloso e stuzzicante, ma anche fresco e genuino. Essendo adatto anche per i consumatori più salutisti o con particolari esigenze  può essere consumato per diverse occasioni.

può essere una merenda sana per i bambini

merenda con gelato

un sostituto fresco e leggero di un pranzo durante la settimana,

ma anche come dessert a una cena fra amici è un trend molto diffuso fra i consumatori odierni.

gelato dessert

può essere anche una buona scusa per uscire a fare una passeggiata di domenica pomeriggio,

o occasione per incontrare una persona cara.

mangiare gelato in compagnia

Poi è sempre un pensiero dolce per coloro che vogliamo bene portare una vaschetta del loro gusto preferito.

 

Insomma un’occasione valida si può sempre trovare per consumare il gelato artigianale indifferentemente dal posto stagione o tempo. Così succede che secondo Confartigianato e CNA, 2 miliardi è la spesa annua degli italiani in gelato artigianale. Basta trovare i gusti giusti e la gelateria di fiducia!

Estate all’Expo 2015, birra o gelato? Perché non un gusto unico

Cosa c’è di più fresco di un gelato alla birra? A Expo2015 è possibile fare un viaggio in questo gusto che nasce dall’unione di due importanti realtà: la birra ufficiale del Padiglione Italia Birrificio Poretti e la Gelateria artigianale Rigoletto che si fa portavoce del mondo del gelato italiano in questa grande manifestazione.

gelateria rigoletto

Il Birrificio Angelo Poretti ha presentato in questa occasione la sua “Estiva” una birra 7 Luppoli non filtrata, lievemente ambrata dal gusto deciso ma equilibrato e dissetante, in omaggio alla bella stagione ha offerto la possibilità di assaggiarla anche sotto forma di gelato a base di birra. Il Mastro Birraio Fabio Mazzocchi l’ha presentata raccontando i suoi segreti di produzione e la sua storia nel passato week-end di giugno che ha dato inizio all’Estate. Anche Coldiretti si è unita alla celebrazione vendendo fette di melone in Piazzetta Birra che hanno contribuito a esaltare i profumi e la freschezza della birra. Mastri Birrai e Beer Expert hanno guidato i visitatori nella degustazione attraverso un mix di sapori tra gelato, birra, frutta fresca e accompagnamento musicale.

logo_birrificio Angelo Poretti (1)

Ancora una volta la qualità dei prodotti e l’artigianalità nella produzione italiana fanno da protagonisti e raccontano la loro storia di fronte a una platea mondiale. E se parliamo di produzione di gelato artigianale ProntoGelato  è sensibile all’argomento in quanto da sempre attento alla ricerca di partner che offrono la qualità  per permettere a tutti i suoi clienti di ricevere a domicilio ogni giorno un prodotto buono e perfetto in ogni suo dettaglio.

Gelato Festival si conclude anche a Roma con una vincitrice, la prossima tappa Londra

gelato-festival

Ancora un week-end passato all’insegna del gelato, è terminata il 21 giugno la tappa romana del Gelato Festival. La vincitrice è stata Stefania Alibrandi della Gelateria Cremeria Alpi con il suo gusto alla ricotta con variegature di fragole fresche.

Non c’è periodo migliore che quello dell’inizio della bella stagione per seguire una gara itinerante incentrata sulla qualità del gelato italiano che consente di incontrare e vedere all’opera i migliori maestri gelatieri. I gusti particolari, la ricerca e selezione degli ingredienti di qualità rendono questa manifestazione unica e con un grande successo di pubblico di degustatori che avranno il compito di scegliere il gusto migliore dell’anno. Per rendere tutto ancora più interattivo grazie alla Gelato App gli utenti potranno condividere foto e vincere una coppetta di gelato in più oltre a quelle della Gelato Card presentandosi agli Info point del Festival muniti di App.

Il tour del Gelato Festival arriverà in Europa, da Londra al Old Spitafields Market dal 26 al 28 giugno fino alle piazze di Amsterdam e Valencia, per tornare in Italia a Palermo e Catania, questo per il mese di luglio. La manifestazione durerà tutta l’estate aspettando la finale nella città di Firenze i primi di ottobre.

Il gelato ai frutti di bosco fa bene alla salute?

 

frutti-di-bosco-slide

Il gelato ai frutti di bosco fa bene perché contiene le antocianine, pigmenti naturali che diminuiscono i rischi cardiovascolari. Le indagini di una ricerca della Fondazione Veronesi.

Amato in tutte le stagioni, apprezzato in mille varianti come merenda o per fine pasto: è il gelato!

Abbiamo scelto il gusto frutti di bosco per le sue molteplici proprietà.

icecream

Lo sapevate che… Chi mangia frutti di bosco e frutta fresca e secca sta meglio in salute?

Sia che li mangi al naturale sia sotto forma di gelato. Uno slogan certo, ma anche una modalità di informazione che le Associazioni dei gelatai artigianali hanno deciso di adottare, con apposite locandine, nelle gelaterie di tutta Italia, lanciando l’iniziativa proprio a Rimini Wellness.

Un messaggio per comunicare anche del supporto che la filiera del gelato sta dando alla Fondazione Veronesi per far conoscere meglio ai consumatori i benefici di alcuni ingredienti con una borsa di ricerca di 60mila euro in due anni (2014 e 2015).

L’obiettivo è avere dati concreti e oggettivi sul ruolo delle antocianine, i pigmenti che danno la colorazione naturale (dal rosso al blu) ai frutti di bosco, cui si attribuiscono attività benefiche per l’organismo dato l’elevato potere antiossidante, antinfiammatorio e antiproliferativo per le cellule tumorali.

 

Elena Dogliotti , biologa nutrizionista della Fondazione Veronesi e destinataria della borsa di studio, spiega . “Il campione è di 493 volontari di cui il 25 per cento dichiaratamente vegetariano o vegano. Abbiamo indagato sulle loro abitudini alimentari, sullo stile di vita in generale e li abbiamo sottoposti ad analisi genetiche, biochimiche (profilo lipidico, esami del sangue), esami antropometrici (altezza, peso, circonferenza della vita), ecografie a cuore, reni, carotide. Dopo aver raccolto i dati, grazie ad uno specifico software li elaboreremo per vedere appunto la relazione tra cibo e rischi per la salute. In particolare vogliamo indagare, riguardo alle antocianine, la loro potenziale correlazione con l’aumento del colesterolo HDL, cioè quello “buono”, e la diminuzione dell’LDL colesterolo implicato nello sviluppo di malattie cardiovascolari (favorisce la formazione nei vasi delle placche che ostacolano il normale flusso sanguigno), la cui ossidazione è una tra le componenti responsabili dei fenomeni infiammatori a livello vascolare”.

In attesa dei risultati, che dovrebbero arrivare a fine anno, i gelatai invitano a mangiare frutti di bosco, sotto forma di gelato naturalmente. Nonostante la trasformazione infatti, buona parte di sali minerali, fibre, vitamina C e antiossidanti di more, mirtilli, lamponi, etc. rimangono nel prodotto finito. E un gelato artigianale rispetto ad uno industriale, fatto con ingredienti di qualità, e cioè limitando l’uso di grassi saturi (non presenti in quelli alla frutta, ma solo nelle creme), con meno zuccheri (16-17 per cento di media di cui il 12 per cento di saccarosio e il 4 % di succo d’uva) è senz’altro più consigliabile di una merendina o un dolce industriale.

E tu che ‪gelato‬ mangi?

test-psicologico3

Cioccolato, vaniglia, fragola, menta, caffè, nocciola, biscotto, tè verde o pistacchio? Questi sono solo alcuni dei gusti  dei gelati artigianali più richiesti che possono svelarti qualcosa della tua personalità.

Fragola: scelta solitamente da persone coraggiose a cui interessa poco ciò che gli altri pensano.

Vaniglia: sei una persona che ama questo gusto e magari non lo abbina mai a nient’altro? Sei un po’ banale, prevedibile e temi i cambiamenti.

Cioccolato: chi prende questo gelato è intelligente, bello e amato e spesso ha molto successo nella vita.

Caffè: è il gusto scelto da chi è rilassato, vive tranquillamente e sembra non risentire dello stress.

Nocciola: se scegli questo gusto sei molto probabilmente una persona che ama i sapori di un tempo ed è piuttosto anticonformista.

Pistacchio: è il gelato scelto da quegli individui sofisticati e altezzosi che difficilmente passano inosservati.

Biscotto: il mix di crema e pezzi di biscotti viene mangiato da chi ama leggere.

Tè verde: è il gusto delle persone apparentemente calme che però nascondono dei tratti esplosivi.

gelato

Con ProntoGelato, adesso puoi ordinare il #gelato artigianale a domicilio direttamente a casa tua!
Ordina ora su: www.prontogelatosrl.it

Expo Milano 2015. Italia, patria del gelato.

gelato

 

Patria del gelato, l’Italia vanta milioni di gelaterie che sembrano spuntare nelle città un giorno con l’altro. Soluzioni in franchising o botteghe artigiane di diverso tipo propongono gelato biologico, alla soia, senza additivi, senza conservanti e senza zucchero.

Gelato, come pasta e pizza, è una delle poche parole italiane che all’estero non viene tradotta perché rappresenta un’eccellenza italiana nel mondo.

Non dimentichiamo che il gelato è un alimento genuino, nutriente e poco calorico se mangiato nelle giuste quantità (attenzione al gelato alla soia molte volte risulta più calorico di un semplice sorbetto). Non a caso molti dietologi lo consigliano come sostituto di un pranzo (quello alla crema è il più nutriente) e nella versione ‘light’ con frutta come merenda o spuntino soprattutto per i bambini.

 

All’Expo Milano 2015, quindi, non possono fare a meno di parlare del gelato

Durante l’intera durata di Expo verranno presentati oltre 30 gusti, sviluppati in collaborazione con il mastro gelatiere Sergio Colalucci, fra i massimi esperti italiani e già vincitore della coppa del mondo riservata ai gelatieri. Expo Milano 2015, comprende gusti classici come la Crema all’Uovo, il Cioccolato Fondente, la Nocciola IGP del Piemonte, la meno conosciuta Nocciola Mortarella Campana o la Menta di Pancalieri, insieme a gusti meno consueti, come il Gorgonzola di Abbiategrasso con Zenzero, il Pistacchio di Bronte, lo Zabaione al Marsala Florio, la Crema Santa Fina di Zafferano e Pinoli. Gli altri gusti verranno svelati con il procedere di Expo Milano 2015.

Ma come riconoscere un vero gelato artigianale?

In realtà non esistono leggi che tutelano fino in fondo cosa si intende per gelato artigianale. Ecco che distinguere un gelato artigianale dalle imitazioni diventa difficile e solo indagando nella lista degli ingredienti e osservando il prodotto finito forse si può scoprire qualcosa in più.

 

Fin da subito è bene chiarire che non ci si improvvisa gelatai: fare il gelato artigianale è un’arte che va imparata.

 

Scegliere le materie prime fresche, di stagione e lavorare con passione per creare nuovi gusti cercando di migliorarsi ogni giorno senza pensare di gonfiare o colorare il gelato è la prima regola per creare un buon gelato artigianale. Purtroppo la maggior parte delle gelaterie artigianali utilizza semilavorati e prodotti che migliorano l’aspetto e la consistenza del gelato… le così dette polverine a cui basta aggiungere latte o acqua per ottenere il gelato, sono un esempio frequente.

Latte, zucchero, panna, frutta fresca o secca, cacao, dovrebbero essere i principali ingredienti per creare un vero gelato artigianale che ha bisogno di stabilizzanti alimentari ed emulsionanti. Niente paura, la parola stabilizzante non deve creare allarme, si tratta di prodotti vegetali in polvere (semi di carruba, di semi di guar, tara, amido di kuzu, etc) usati come addensanti, fondamentali nella preparazione del gelato.

Altro discorso vale per gli emulsionanti che si possono anche non usare a patto che vengano sostituiti con proteine del latte e fibre o utilizzando speciali macchinari che assicurano un’emulsione meccanica. Inoltre è bene dirlo: non esiste un gelato senza zucchero (esistono sostituti con minori poteri dolcificanti), per la semplice ragione che lo zucchero è un anticongelante quindi la sua presenza risulta fondamentale per la sua preparazione anche se tra i dolci, è addirittura quello meno calorico e meno ricco di grassi.

 

Gelato: Amate i gusti classici o vi piace sperimentare?

Se siete curiosi di provare sapori nuovi sarete entusiasmati dei gusti più strani che si possono trovare in Italia.

gelati più strani

L’estate 2015 è dietro l’angolo e insieme ad essa arriveranno i vestiti colorati, i pantaloncini, il mare, l’abbronzatura e, soprattutto, i gelati e tantissime novità soprattutto per il gelato artigianale.

C’è chi preferisce i gusti classici, chi adora le creme e chi opta per quelli alla frutta. Ma c’è chi ama sperimentare il rischio ed è per coloro che ogni anno gli artigiani del gelato si prodigano per trovare gusti nuovi. Per le persone che vogliono sperimentare hanno creato gusti molto particolari e strani in tutta la nostra penisola.

 

 

Ecco i gusti più strani in giro per l’Italia:

 

Birra

Hanno deciso di inventare il gelato alla birra che può conciliare i gusti di tutti e limitare le discussioni tra fidanzati . L’idea, in realtà, è arrivata dal Brasile ma ormai si è diffusa in tutte le gelaterie del Bel Paese.

Cocktail

Tra i gusti più raffinati c’è chi preferisce i Cocktail alla birra, quindi perchè non farne dei gelatiMojito, spritz, limoncello, prosecco e irish coffee sono i gusti che si potranno assaggiare questa estate.

Basilico e pesto

In Liguria il pesto è l’ingrediente base della cucina tipica. Sarà stata proprio la devozione per la tradizione ad ispirare i gelatai liguri che hanno creato il gelato al pesto, portando basilico e pinoli sui coni e le coppette degli amanti del gelato.

Basilico e limoni

Basilico e gelato sembra proprio un’accoppiata vincente. Se poi ci accostiamo anche il sapore dei limoni il piacere è assicurato. Questo innovativo gusto si è aggiudicato il premio “gelato più buono” nel 2014 nella rassegna “Gelati d’Italia” e ha fatto diventare famosa una gelaterie di Varese.

Ricotta e fichi

In quel di Napoli ad attirare l’attenzione dei golosi più curiosi potrebbe essere questo nuovo gusto che, a quanto pare, è veramente buono. In Friuli Venezia Giulia rilanciano con un gelato al gusto di sorbetto di fichi variegato alle noci.

Gelato dolce-salato

Se siete tra coloro che al dolce preferite il salato potreste apprezzare molto questi gusti:prosciutto di parma, olio d’oliva, pachino e bottarga. Ce n’è veramente per tutti.

Viola

Per viola si intende il fiore ed è un gusto che ormai è molto diffuso in Italia. Se vi state chiedendo che sapore possa avere un fiore non vi resta che provare.

Pizza

Il Bel Paese è spesso accostato al suo piatto più famoso ed è probabilmente per questo motivo che non si poteva non fare un gelato al gusto di pizza, nato nelle gelaterie del Salento e molto apprezzato dai turisti americani. Sempre i salentini hanno dato i natali ad altri gusti stravaganti, come il gelato alla patata e ai ricci di mare.

Cacio e pepe

Riprendendo la tradizione della cucina laziale nelle più prestigiose gelaterie romane potrete trovare il gelato gusto cacio e pepe. Gli ingredienti base sono, appunto, pepe nero e pecorino.