Archivi tag: curiosità sul gelato

Curiosità sul gelato

Quattro cose che forse non sai sul gelato!

Il gelato è il dessert preferito dagli italiani e non ci stancheremo mai di ripeterlo!
Del resto, le statistiche ci danno ragione!

Sul gelato è stato detto tutto ma naturalmente ci sono alcune curiosità che colpiscono più di altre.
Noi oggi ne individuiamo 5 che ci sono rimaste nella mente più di altre, sei pronto a scoprirle insieme a noi?5 Curiosità sul gelato

Gelato nero, il segreto è nel carbone

Il gelato nero che sta spopolando in questi mesi sul web potrebbe sembrare uno di quei gusti industriali carichi di coloranti.
In verità forse ti stupirai nel sapere che il suo colore extra dark, ancor più scuro del fondente, è frutto di una miscela di carboni vegetali, ricavati dalla noce di cocco.

Quando è nata la moderna gelateria?

Noi italiani possiamo essere fieri del nostro genio creativo, che in tutte le epoche storiche ci ha portato numerose soddisfazioni e la fama di essere ingegnosi inventori.
Anche il gelato trova le sue origini in Italia, inizialmente come un dessert da servire a tavola.

La moderna gelateria per come la conosciamo oggi, con i pozzetti contenenti i diversi gusti, nasce dall’idea di un italiano in Francia.
Grazie a questa intuizione il gelato conosce, a partire dalla seconda metà del ‘600, una diffusione più ampia.

Il cono che si mangia, il gelato diventa popolare!

Risale all’inizio del ‘900 del secolo scorso l’invenzione che ha trasformato il gelato da dessert al cucchiaio riservato a pochi a golosità da poter mangiare passeggiando.

Nel 1903 sempre un italiano inventa una cialda piegata a forma di cono, cava al suo interno, che può essere riempita con delle palline di gelato.
Da dolce al cucchiaio, il gelato diventa uno sfizio che si può mangiare passeggiando.
E la sua popolarità aumenta ulteriormente.

Il gelato più costoso al mondo… non è gelato!

Sui magazine si rincorrono le notizie sul gelato più costoso al mondo. Dubai, New York e altre capitali del mondo si contendono il primato del dessert ghiacciato più caro, in un susseguirsi di ricette diverse.
La verità però è una sola: l’ingrediente realmente costoso non è mail il gelato!
Queste preparazioni affiancano il gelato ad ingredienti, commestibili o meno, che sono derivati da metalli preziosi.
La polvere d’oro, ade esempio, ma anche una granella di brillanti che sicuramente non si può mangiare ma che saprà rendere felice il suo goloso proprietario!

Come riconoscere il gelato vegano.

Riconoscere un gelato vegano non è sempre semplice, molte volte diamo per scontato che, per esempio, i gusti alla frutta siano tutti vegani.

Invece molti produttori, per aumentare la cremosità che piace proprio al cliente finale, aggiungono del latte rendendolo non adatto ai vegani.

Con l’aumento della percentuale di persone  vegane nel nostro paese anche i produttori di gelato hanno iniziato ad adattarsi, sperimentando nuove combinazioni per rendere questo particolare gelato perfetto ed invitante per tutti,  vegani e non.

Ma voi sapete cosa rende vegano un gelato?

strawberry-ice-cream-2239407_1280

In primis non deve essere utilizzato uno degli ingredienti più frequenti nei gelati, il latte. Questo viene sostituito dai latti vegetali, quello di soia e di riso tra tutti ma anche quello di mandorla.

Non devono essere utilizzate uova, che vengono sostituite da altre proteine vegetali come l’inulina o le proteine dei legumi.  Per emulsionare, simulando l’effetto delle uova, si usa la lecitina di soia e di girasole.

In generale, oltre ai latti vegetali, il gelato vegano può avere una base d’acqua e addirittura d’olio extra vergine d’oliva come parte grassa.

Il gelato vegano è sicuramente molto più leggero e digeribile del gelato classico, non contenendo proteine e grassi animali ed è anche più sostenibile.

Alcuni gusti sono avvantaggiati per natura. Lo sapevate che per esempio il gusto nocciola è cremosissimo perché questo particolare alimento è composto al 50% di oli? Ecco perché il gelato riesce ad essere cremoso anche senza la presenza di latte!

Il gelato vegano esiste da sempre, semplicemente non veniva chiamato in questo modo. Pensate ai gelati adatti alle persone con intolleranza al latte, che venivano fatti cercando di renderli il più leggeri possibile senza rinunciare al gusto.

Siamo sicuri che ognuno di voi ha assaggiato un gusto di gelato vegano almeno una volta nella vita!
E magari non avete nemmeno notato la differenza.
Questo per dire che, tra gelato vegano e non, la differenza è veramente poca.

Il gelato è una gioia sempre e deve essere una gioia per tutti.

Abbinamenti gusti: quali stanno bene insieme?

Abbinamenti gusti, quali stanno bene insieme? Stiamo parlando del gelato, naturalmente!

È uno dei comfort food per eccellenza e con l’arrivo del caldo c’è una gran voglia di mangiarlo sempre!
Ognuno di noi ha i suoi gusti preferiti che spesso ci ricordano i momenti felici dell’infanzia.

Ormai ce ne sono tanti, anche stranissimi, ma quali sono gli abbinamenti gusti più amati?

Vuoi qualcosa di estremamente goloso? Cioccolato e crema è la coppia vincente per te!
Puoi scegliere tra vari tipi di cioccolato, se vuoi un mix più dolce o meno dolce.
Il mondo del cioccolato è talmente vasto da avere solo l’imbarazzo della scelta.

Una pausa rinfrescante? Sicuramente il gusto al limone fa al caso vostro, accompagnato dall’amica di sempre, la fragola, che in questo periodo è la regina di ogni gelateria d’Italia.

gusti gelato

Uno degli abbinamenti classici, tra i più apprezzati in assoluto, è nocciola e pistacchio. Entrambi, sono tra le eccellenze italiane più apprezzate al mondo: il pistacchio deve essere quello di  Bronte e la nocciola dal Piemonte.
Si sposano alla perfezione e sono tra i gusti immancabili in ogni gelateria.
Il pistacchio ha inoltre un bel colore verde che mette allegria solo a vederlo, immaginate a mangiarlo!

Non dimentichiamo, poi,  che il cioccolato si sposa con moltissimi gusti, cioccolato e menta per esempio ma anche cioccolato ed arancia o cioccolato e fragola.

Uno dei più celebri gusti in assoluto è stato creato dalla combinazione di due ingredienti: il cioccolato ed il gelato alla panna (o fiordilatte per alcuni).
Ovviamente parliamo della stracciatella, che si abbina molto bene invece al tiramisù, un dolce che in Italia è amatissimo che non poteva non essere riproposto anche in versione gelato.

Anche se non sono proprio abbinamenti, un’ultima nota di merito va agli affogati.
Il classico affogato al caffè si ottiene semplicemente versando del caffè su un gelato alla panna o fior di latte.
O l’affogato all’amarena, versando sul gelato della deliziosa glassa all’amarena.

Qualunque sia il tuo abbinamento del cuore, l’importante è riuscire a godersi un bel gelato per concedersi una parentesi dolce in questo assaggio d’estate.

 

 

 

Gelato gastronomico: faresti mai un risotto col gelato?

Mai sentito parlare di gelato gastronomico?

Il mondo del gelato è sempre in evoluzione e da alcuni anni non sono soltanto i gusti dolci ad essere protagonisti.

I gusti gastronomici prendono spunto dalla tradizione culinaria italiana.
Parmigiano, taleggio, gorgonzola; basilico e pomodoro, sono solo alcuni dei gusti salati che spopolano in gelateria ma anche – e soprattutto – in cucina.

Il gelato gastronomico è ideale da abbinare sia ad altri gusti, soprattutto quelli alla frutta, sia per essere impiegato in modo originale e sfizioso nelle nostre ricette tradizionali.

E così, soprattutto i gusti ispirati ai formaggi si sposano magnificamente con tutti quei primi piatti dove la mantecatura è protagonista.
Mai provato ad abbinare al caldo sapore di un risotto cremoso una pallina di fresco gelato al parmigiano? Il gusto è sorprendente!

Gelato gastronomico - gorgonzola
Credit – https://it.pinterest.com/pin/557320522626586219/
Gelato gastronomico prosciutto
Credit – http://www.fuudly.com/recipe/gelato-al-gorgonzola-con-pere-e-coppa

Gelato gastronomico, l’unico limite è la fantasia.

Ma quali sono i gusti gastronomici e in cosa si differenziano da quelli classici?

La prima differenza, è evidente, è data dall’impiego del sale, che però non va a sostituire del tutto lo zucchero.
Non si tratti quindi di un gelato solamente salato ma dal gusto ben bilanciato, che spazia dal salato al dolce.

È poi fondamentale la qualità delle materie prime, analogamente a quello che è il classico gelato di creme o frutta.
Nei gelati con formaggi, ad esempio, è fondamentale che il formaggio scelto sia di prima qualità, come in quello fatto con verdure e aromi.

Prova anche tu il gelato gastronomico e stupisci i tuoi ospiti!

Un antipasto con pomodoro e basilico gelati; una coppetta di formaggi e miele da assaporare al cucchiaio sono un modo diverso per stupire i tuoi ospiti senza rinunciare alla tradizione.

Perché, lo sappiamo: noi italiani quando parliamo di cucina siamo molto, molto seri.

Conosci il gelato gastronomico? Quali sono i tuoi gusti preferiti? E quelli più stravaganti?

Aspettiamo di leggere i tuoi commenti e le tue ricette.

Quando mangiare il gelato

Quando mangiare il gelato? Colazione, pranzo e cena!

Quando mangiare il gelato?

La domanda può sembrare banale, ognuno di noi ha una risposta che accontenta il suo gusto.
Ci sono quelli che lo mangiano solo a merenda, quelli che lo sostituiscono con il pranzo, chi non può farne a meno dopo cena, come ultimo sfizio della giornata.

Quando mangiare il gelato? La scelta del momento della giornata è indifferente?

I nutrizionisti non sono di questo avviso e, nonostante il gelato sia considerato un alimento completo, ci tengono a metterci in guardia dai falsi miti e le apparenze legate al dessert più amato dagli italiani.

Gelato a colazione, si o no?Quando mangiare il gelato

Forse è il momento più insolito della giornata per consumare il gelato, a meno di non trovarsi in Sicilia.
Mangiare il gelato a colazione, infatti, è una tradizione siciliana che tuttavia non ha trovato molto seguito in altre zone d’Italia.
I nutrizionisti sul punto sono concordi: il gelato a colazione non è l’ideale, meglio rinviare ad un diverso momento della giornata in favore di una colazione classica, dolce o salata che sia!

Gelato a pranzo o a cena, un’abitudine amica della linea?Quando mangiare il gelato

Quando si arriva a ridosso dell’estate si sprecano gli articoli sulle presunte mode delle star del cinema su diete e abitudini alimentari.
Spesso si sente parlare di “dieta del gelato” per dimagrire, in verità le cose non stanno proprio così ed è bene prestare attenzione ad alcuni aspetti.

Il gelato è un alimento completo da un punto di vista nutrizionale ed è anche altamente digeribile.
Queste caratteristiche, unite al fatto che è gustoso, goloso e pratico da mangiare lo rendono un candidato allettante come sostituto di uno dei due pasti principali, il pranzo o la cena.
Il gelato al latte, poi, è una buona fonte di proteine, calcio e fosforo mentre quello alla frutta è leggero e può essere consumato senza rimpianti anche da chi deve stare attento alla bilancia.

E allora, dove è il problema?

L’abitudine di pranzare o cenare con il gelato non deve prendere il sopravvento su quella che dovrebbe essere una dieta sana, varia e ricca di tanti alimenti diversi.
Mangiare solo un gelato, anche se può bastare da un punto di vista calorico, non porta grande sazietà ed è un comportamento alimentare che, secondo i nutrizionisti, è opportuno concedersi non più di una volta a settimana.

Meglio il pranzo o la cena? Probabilmente la cena, a patto di aver fatto un pranzo sostanzioso e di scegliere un mix bilanciato di frutta e creme per un corretto apporto di tutti i nutrienti.
Se decidi di sostituire uno dei pasti principali con il gelato, il consiglio è quello di arricchire il tuo pasto con una porzione di frutta e verdura e con un panino integrale, fonte di fibre.

Mangiare il gelato come spuntino, la merenda e il fine pasto

Il gelato può essere un eccellente spezza fame ed è indicato per il momento della merenda, soprattutto quella dei bambini.
L’importante è non esagerare nelle quantità e ricordare che i gelati alle creme sono più sostanziosi di quelli alla frutta.

E dopo cena?
Sei un irriducibile goloso che non sa rinunciare al dolce dopo cena?
Scegli il sorbetto di frutta! Gusto garantito e dieta salva!

 

Gelato Festival 2017

Il Gelato Festival è giunto ormai alla sua VIII edizione, ancora non sapete cos’è?

È il più grande festival dedicato alla gelateria all’italiana, caratterizzata dalla sua artigianalità e dal gusto che la contraddistingue in tutto il mondo.

Partecipare è molto semplice, basta comprare il biglietto online o allo stesso Gelato Festival stesso (attenzione, ha validità giornaliera!) ed immergersi nel mondo del gelato a 360°.Gelato Festival 2017Il biglietto acquistato online ha valore dal giorno di ritiro alle casse del festival, comprato in loco invece semplicemente per quel giorno.

Partecipando al Gelato festival non solo sarà possibile assaggiare i nuovi gusti proposti, sia in gara che fuori concorso, ma ci saranno tantissimi eventi riservati ed attività dedicate al dessert più fresco e amato.
Inoltre, ci sarà anche la possibilità di far parte della giuria popolare e votare il gusto che più ha rapito il cuore!

Ogni città, a colpi di cono, vede sfidarsi un massimo di sedici tra le migliori gelaterie.
Ogni gelatiere vuole vincere per conquistare il titolo di miglior gelato all’italiana.
Oltre ai gusti in gara, gli sponsor creeranno dei gusti nuovi proprio in occasione del Gelato Festival 2017.

Ogni tappa avrà un vincitore che, insieme a quelli di tutte le tappe, si sfideranno in una finale all’ultima coppetta per decretare il vincitore europeo.

Prendete penna e foglio e segnatevi le date:

  • Firenze 21 – 24 aprile;
  • Roma 29 aprile – 1 maggio;
  • Torino 25 – 28 maggio;
  • Milano 1 – 4 giugno;

Ma ci saranno tappe del Gelato Festival 2017 anche in Inghilterra, Germania e Polonia.

La finale, che incoronerà il Re o la Regina assoluta del gelato all’italiana si terrà a Firenze dal 14 al 17 settembre.
Ma perché proprio a Firenze? Il gelato è nato proprio li, nel 1559 dal genio di Bernardo Buontalenti che alla corte De’ Medici servì la prima crema fredda a base di latte e di miele!

Il Gelato Festival quindi, non può che iniziare e finire con Firenze.

 

Cosa significa sognare il gelato?

Sognare un gelato è uno dei sogni più comuni, ma vi siete mai chiesti cosa significa?

L’interpretazione dei sogni è una delle maggiori opere di Freud, padre fondatore della psicoanalisi modernamente concepita.
Da allora, nei libri ma anche sul web, si trovano moltissime interpretazioni sui sogni, specialmente a tema cibo.

Quelle sul gelato racchiudono un mondo che può spaziare a seconda del gusto di gelato, consistenza, colore ma anche se lo si mangia in compagnia o no.
Sognare un gelato rappresenta sicuramente un simbolo ambiguo, va a racchiudere proprio gli opposti come il piacere e il gelo, l’attrarre e l’essere attratti e così via.

sognare gelatoPuò simboleggiare dei limiti auto imposti dietro i quali si nascone la propria vulnerabilità ed insicurezza.
Sognare di desiderare un gelato però può anche indicare il bisogno di quiete e di spazio, la voglia di non farsi coinvolgere in forti emozioni, la ricerca della pace emotiva tanto ambita.
In generale però è un buon segno, presagisce successo, incontri piacevoli, soddisfazione, prosperità ma anche felicità ed amore.
Vedere, poi, nei nostri sogni bambini che mangiano gelato significa prosperità e felicità che ci accompagnerà per tutta la vita.

Per Freud mangiare il gelato significa amare la vita e ottenere piacere da soli, riuscire quindi a trarre dalla propria solitudine un grande punto di forza.
Mangiare il gelato sciolto invece, significa che il sognatore sta cercando di rivivere qualcosa che in realtà è morto da tempo, che ha nostalgia di qualcosa passata.

Sognare il gelato: ogni gusto ha una sua interpretazione.

  • Sognare gelato alla crema significa illusioni ingannevoli;
  • sognare gelato ghiacciato significa che ami la vita e vuoi ottenere il piacere da solo;
  • Sognare gelato al caffè vuol dire avere amici influenti;
  • sognare gelato alla vaniglia significa illusioni;
  • sognare gelato alla frutta simboleggia ritardo nei pagamenti;
  • sognare un cono gelato significa che si passeranno bei momenti con qualcuno del sesso opposto;
  • sognare gelato alla fragola ricollega direttamente alla passione, visto il colore rosso delle fragole;
  • Sognare gelato al limone simboleggia le difficoltà, l’asprezza, la fatica;
  • sognare gelato al cioccolato indica il bisogno di gratificazioni, attenzioni, pienezza nelle emozioni.

I sogni sono una parte importante della nostra vita.
E se davvero il modo per accedere al nostro subconscio è proprio mediante i sogni?